Cerca
giovedì 29 ottobre 2020 ..:: la storia ::.. Registrazione  Login
 ..:: Storia Riduci

E' stata l'esperienza maturata durante l'alluvione del fiume Adda, avvenuta nel 2002 e che coinvolse gran parte del territorio del Comune di Casaletto Ceredano, nel Cremonese, a far nascere l'anno successivo,il locale gruppo San Marco di Protezione Civile. 

I due fondatori, Fabrizio Scandelli e Filippo Galletta decisero di creare questa organizzazione con l'obiettivo di dotare il paese di un valido supporto alla popolazione e all'Amministrazione comunale in caso di future emergenze. Fu scelta la formula del gruppo comunale proprio per instaurare stretti legami con il sindaco e per ottenere quegli aiuti economici necessari alla crescita del nuovo organismo.

 
Dopo aver promosso, nel 2004, un corso base di Protezione Civile rivolto a 16 aspiranti volontari, fu approvato un regolamento in cui venne inclusa, per il gruppo, anche la possibilità di partecipare alla tutela ambientale di quei territori compresi nel Parco Adda Sud.

Il gruppo venne iscritto dapprima all'albo provinciale di Protezione Civile della Provincia di Cremona, successivamente a quello Regionale ed infine all'albo Nazionale.

 
Sotto il profilo pratico, i fondatori si preoccuparono subito di dotare i componenti dell'organizzazione di tutti quegli strumenti conformi alle disposizioni di legge e comunque idonei ad affrontare qualsiasi condizione meteorologica.

 
Grazie all'impegno di 16 volontari all'inizio – attualmente 10 - ai servizi resi al Comune e ai contributi ottenuti, il gruppo riuscì a dotarsi di un furgone Fiat Ducato operativo e di un autovettura Fiat Punto.
 

Da giugno del 2010 il gruppo è entrato a far parte della Colonna Mobile Provinciale di Cremona ed è stato dotato di un veicolo fuori strada – Iveco Massif – con carrello avente torre faro e generatore integrati  per l'utilizzo durante le emergenze.

 
Queste le principali attrezzature di cui dispone: 2 motopompe Rosenfire a scoppio da 1200 cc con attacchi UNI 70 entrambe carrellate, 2 motopompe a scoppio trasportabili a mano con attacchi UNI 45, 2 pompe ad immersione e varie serie di manichette da UNI 45 e 70 antincendio.
 

Vari generatori di corrente da 3,5 kw, anche loro trasportabili a mano, una torre faro a colonna da 200w, fari a colonna da 500w e materiale vario antinfortunistico e per interventi in zone alluvionate, una tenda da campo completa per 8 persone e vari altri equipaggiamenti.

Il gruppo è dotato anche di una stazione radio fissa e 10 radio portatili a disposizione delle squadre che operano.


In questi anni di attività i volontari sono stati formati  per intervenire in situazioni di rischio idrogeologico, quali alluvioni ed esondazioni.


Il gruppo si è attrezzato soprattutto per prestare soccorso alla popolazione durante le alluvioni, al recupero di persone bloccate in zone allagate anche in ore notturne e allo stesso tempo riuscire a limitare i danni in quelle abitazioni colpite provvedendo allo svuotamento dall'acqua, anche quando questa è in fase di ritiro.

 
Superata la situazione d'allarme provvede inoltre a ripulire gli alloggi e le cantine.
 

Far fronte alle alluvioni è diventata una specialità anche perchè il problema riguarda da vicino il gruppo dato che Casaletto Ceredano si trova a ridosso del fiume Adda.

 
Il gruppo San Marco ha partecipato con alcuni volontari alla Missione di Soccorso alla popolazione dell'Abruzzo in occasione del terremoto del 6 aprile 2009.
 

Nel febbraio 2010 ha partecipato all'emergenza idrocarburi del fiume Po presso  Stagno Lombardo (CR) iniziato con lo sversamento di 10 milioni di litri di gasolio nel fiume Lambro da parte della Lombarda Petroli di Monza.

 
Situazioni di emergenza a parte i volontari del gruppo collaborano con il Comune offrendo un valido supporto in occasione di manifestazioni ed eventi di una certa importanza oltre che offrire collaborazione sia con i volontari del Parco Adda Su, sia con quelli del gruppo di Protezione Civile A.N.A.I. di San Bassano con i quali si trova spesso fianco a fianco in molte attività ed esercitazioni.
 

Il gruppo San Marco di tanto in tanto programma e realizza attività con varie attrezzature, soprattutto motopompe, nei canali e nei fontanili del nostro territorio e lungo il corso del fiume Adda sia di giorno che di notte preparandosi ad affrontare qualsiasi condizione di lavoro.

 
Le attività non si limitano, però, solo all'affrontare emergenze ma anche a prevenirle, monitorando costantemente gli argini dell'Adda nel nostro territorio per verificare eventuali e potenziali minacce e pulendo le zone considerate “a rischio”.
 

Annualmente il gruppo partecipa attivamente anche alla raccolta di rifiuti abbandonati, denominata "Rifiutando", all'interno del proprio Comune organizzata dalla S.C.S. di Crema e che vede coinvolti i bambini e la popolazione.

Da Maggio del 2011,  a seguito delle dimissioni di Scandelli Fabrizio, il nuovo Coordinatore del Gruppo è Rossetti Riccardo, già vice coordinatore dal 2004.

Il nostro Gruppo insieme alla Colonna Mobile Provinciale della Provincia di Cremona ha partecipato dal 2 al 9 Novembre 2011 alla MISSIONE DI SOCCORSO nella Val di Vara (Liguria) in occasione dell'alluvione che ha colpito quella zone il 25 Ottobre 2011.
Del nostro Gruppo sono partiti i due volontari Riccardo Rossetti (Coordinatore) e Alfredo Baini (Capo Squadra) con mezzi e attrezzature di supporto logistico.

 

e la storia continua.............

 

 

 

   ritorna all'inizio   

 

 


 Stampa   
                 
Copyright (c) Gruppo San Marco   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation